Apple Style Counter module for Joomla!

Nurarihyon no mago - Nurarihyon no mago sennen makyo

Nurarihyon no mago - Nurarihyon no mago sennen makyo

Nurarihyon no mago - Nurarihyon no mago sennen makyo

Titolo originale prima serie: Nurarihyon no mago

Titolo per il pubblico europeo: Nura: Rise of the Yokai Clan

Anno di produzione prima serie: 2010

Episodi prima serie: 24 +2 OAV

Autore prima serie: Natsuko Takahashi

Regia prima serie: Michio Fukuda

Casa di produzione prima serie:  Studio Deen

Titolo originale seconda serie: Nurarihyon no mago sennen makyo

Titolo per il pubblico europeo: Nura: Rise of the Yokai Clan Demon Capital

Anno di produzione seconda serie: 2011

Episodi seconda serie: 24

Autore seconda serie: Natsuko Takahashi

Regia seconda serie: Michio Fukuda

Casa di produzione seconda serie:  Studio Deen

Genere: Soprannaturale, mistero, avventura

Trama: L’anime racconta la vita del giovane Rikuo Nura diviso tra la normale vita da studente e la molto meno normale vita in famiglia. Si perché il nonno del giovane Rikuo è infatti un leggendario Signore dei mostri nonché il Comandante della “Parata dei cento demoni”e lo stesso Rikuo ha nelle sue vene ¼ di sangue demoniaco (in quanto la nonna e la mamma di Rikuo sono umane). La sua casa è quindi abitata da un folto clan di mostri nel più classico stile del folklore giapponese.

Essendo il nipote di un famoso comandante dei demoni lo stesso Rikuo è in grado di trasformarsi in yokai ma solo di notte e solo per 6 ore.

L’anime contrappone quindi il Rikuo normale studente che cerca in tutti i modi di vivere una vita scolastica normale celando agli amici la propria identità con il Rikuo yokai erede e depositario degli insegnamenti del clan Nura nonché futuro successore nel comando della “Parata dei cento demoni” .

 

Giudizio: Premetto che non sono un critico ma semplicemente un appassionato e quindi ogni giudizio che fornirò in tutte le mie recensioni è frutto di un parere assolutamente personale.

Con la consueta onestà che contraddistingue i miei giudizi, devo dire che a me l’anime è piaciuto anche se non mi ha fatto impazzire come altri. Sarà che non sono un grande appassionato del folklore demoniaco giapponese o perché preferisco un altro genere di anime ma seppur lo ritenga un ottima produzione e sia grafica che animazione siano delle migliori devo dire che una volta visto non mi è più venuta voglia di riguardarlo.

In sostanza per farla breve e senza troppi fronzoli il consiglio è sempre lo stesso (o quasi) guardatelo perché rimane comunque uno dei migliori prodotti dell’animazione giapponese degli ultimi anni. Ah dimenticavo………..intanto che stavo scrivendo questa ultime righe ho capito cosa non mi ha convinto di questo anime………probabilmente (e l’ho capito solo ora) è che non ho apprezzato il forte contrasto che si percepisce tra il mondo normale in cui il protagonista passa le sue giornate e la rappresentazione di un folklore fortemente tradizionale che non mi appartiene a livello culturale.